Cassa
(0 articoli)
  • Nessun prodotto nel carrello.

8 teleobiettivi zoom luminosi a confronto

Pubblicato il 1 settembre 2014 in Recensioni | 1 commento

Per quanti stanno valutando l’acquisto di un teleobiettvo zoom, proponiamo 8 tentazioni, da quella più abbordabile a quella più esotica.

 

  • SIGMA 70-200mm F/2,8 EX DG OS HSM

SIGMA 70-200mm F/2,8 EX DG OS HSM

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Buone prestazioni e apertura massima elevata per il meno dispendioso degli obiettivi di questa lista.Nonostante sia l’obiettivo più economico del gruppo, questo Sigma offre un’apertura massima costante f/2,8 e alcune caratteristiche avanzate.Lo stabilizzatore ottico da 4 stop ha un selettore manuale per la modalità panning, e il sistema autofocus è veloce e silenzioso.Lo schema ottico include due elementi FLD (F low dispersion), che secondo Sigma eguagliano in prestazioni i costosi elementi SLD (Special-Low Dispersion).

Ulteriori finezze includono messa a fuoco e zoom interni, e un diaframma a 9 lamelle.La robustezza è elevata e il peso è leggermente inferiore rispetto agli equivalenti 70-200 mm di Nikon e Tamron. Mancano però le guarnizioni anti-polvere, offerte da entrambi i concorrenti. Un’altra omissione è il limitatore di corsa AF.

Performance

Nitidezza e contrasto sono impressionanti a tutte le focali, sebbene la nitidezza cada leggermente all’esterno tele se confrontata con quella dei diretti concorrenti Nikon e Tamron. Distorsioni e aberazioni cromatiche sono ben controllate; le prestazioni complessive sono quindi molto buone per un obiettivo di questo prezzo.

Giudizio finale

Un ottimo prodotto per chi può vivere senza le guarnizioni anti polvere.

  • NIKON AF-S 70-200mm F/4 G ED VR

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Un’opzione compatta e leggera, che ha molto da offrire a chi necessita dell’ apertura f/2,8. Il fatto che questo zoom sia uno stop più lento rispetto agli altri 70-200mm in prova non è, necessariamente, una cosa negativa – gli consente di essere relativamente compatto e leggero con i suoi 78 x 179 mm e i suoi 850 gr di peso.

Questo assicura evidentemente una maggiore maneggevolezza un più confortevole utilizzo in prolungate sessioni di scatto a mano libera, che per inciso beneficiano anche di uno stabillizzatore Nikon VR particolarmente ben implementato.

Il costruttore lo ha accreditato di 5 stop di vantaggio, anche se il dato è stato successivamente corretto verso il basso per un adeguamento agli standard CIPA. Dato il peso relativamente contenuto, non serve, nè viene fornito, un anello di fissaggio al cavaletto. L’accessorio originale Nikon RT-1 si trova online trà i 125 e i 150 euro, mentre accessori di terze parti, per chi ama il rischio si possono acquistare a poche decine di euro.

L’obiettivo non è tropicalizzato, ma è dotato di una guarnizione sulla flangia di montaggio che previene l’ ingresso di polvere nel corpo macchina.

Performance

L’obiettivo offre un’ottima nitidezza e un buon contrasto, sfruttando al meglio i suoi tre elementi ED (Extra-Low Dispersion) e l’HRI (High-Refractive Index). È abbastanza resistente alle immagini fantasma e ai bagliori. Anche il rilevamento automatico del panning nel sistema VR funziona bene.

Giudizio finale

Una buona scelta se non si necessita dello stop di apertura.

 

  • TAMRON 70-200mm f2/8 SP Di VC USD

TAMRON 70-200mm f2/8 SP Di VC USD

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Un obiettivo della linea “Super Performance” che certamente mantiene tutte le promesse. Tamron è maggiormente conosciuta per i suoi obiettivi a basso costo, ma questo importante aggiornamento del 70-200mm f/2,8 ha ambizioni professionali.

Il suo design ottico prevede 4 elementi a bassa dispersione LD e uno XLD (Extra-Low-Dispersion), oltre a una copertura antiriflesso multi-layer e un diaframma a 9 lamelle. Il corpo appare robusto e, a differenza del Sigma, è completo di limitatore di corsa AF ed è tropicalizzato.

Ulteriori attrattive sono date dal veloce e silenzioso motore di messa a fuoco USD (Ultra Sonic Drive ) e dallo stabilizzatore accreditato di 4 stop di vantaggio. Peso e dimensioni sono praticamente identici a quelli del concorrente Sigma (86x197mm, 1,47 Kg). Non manca una scala delle distanze di messa a fuoco, protetta da una finestra trasparente, nè la possibilità di corregere manualmente la messa a fuoco in modalità AF Single.

Performance

Questo Tamron si comporta rimarchevolmente bene nel mantenere una nitidezza elevata fino a f/2.8, a qualsiasi focale, quasi eguaglia il Nikon 70-200mm f/2.8 sotto questo aspetto. In confronto al Sigma risulta leggermente più nitido a 200mm, e il contrasto è decisamente impressionante. L’ autofocus è molto rapido e lo stabilizzatore estremamente efficace. Nel complesso dunque, un obiettivo davvero eccellente.

Giudizio finale

Considerata la qualità d’ immagine, è praticamente impattibile nel prezzo.

 

  • NIKON AF-S 70-200MM F/2.8 ED VR2

NIKON AF-S 70-200MM F/2.8 ED VR2

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

È l’obiettivo preferito dai professionisti, superbamente costruito e capace di eccellere in molti contesti.Abbiamo visto cosi tante  volte la sigla ED su una lente Nikon da considerare la presenza di elementi a bassa dispersione ormai quasi normale.Questo obiettivo, anzichè uno o due elementi ED, però ne possiede non meno di 7.

La qualità costruttiva è un passo avanti rispetto ai concorrenti 70-200mm, grazie a un corpo in lega di magnesio (anziche in plastica) e a una completa tropicalizzazione.Come nel caso del  Nikon 70-200mm f/4, il sistema di stabilizzazione VR offre entrambe le modalità di funzionamento, Normal e Active, con quest’ ultima che è in grado di individuare automaticamente un eventuale panning. Per quanto riguarda l’autofocus, oltre alla consueta modalità A/M (autofocus con possibilità di correzione manuale), troviamo un ulteriore modalità M/A che dà priorità alla messa a fuoco manuale.

Non manca nemmeno un limitatore di corsa AF, che blocca la messa a fuoco tra 5 metri e infinito. Nonostante l’utilizzo della lega di magnesio per la costruzione, questo è l’obiettivo più pesante tra i 70-200mm con i suoi 1,54 kg. Rimane, comunque, ragionevolmente confortevole da utilizzare a mano libera, anche per sessioni di scatto prolungate, e la robustezza percepita è davvero ai massimi livelli.

Performance

Eccellente consistenza di nitidezza e contrasto, non solo variando la focale ma anche a differenti aperture. Il diaframma a 9 lamelle arrotondate contribuisce a mantenere un piacevole boken quando si diaframma partendo da f/2.8.

Giudizio finale

Per un veloce zoom 70-200mm, questo è quanto di meglio si possa ottenere.

 

  • NIKON AF-S 80-400mm F4,5-5,6 G ED VR

NIKON AF-S 80-400mm F4,5-5,6 G ED VR

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Questa nuova versione G  è più grande, più performante, più veloce e… molto più costosa. Al confronto con il vecchio Nikon 80-400 mm VR, questa nuova versione è decisamente più grande e pesante, e costa più del doppio.

Una delle critiche maggiori mosse al modello precedente era l’ assenza di un motore interno di messa a fuoco, ragion per cui l’ autofocus non era disponibile su modelli privi di motore interno come la D3200 o la D5200, e comunque risultava lento anche su corpi dotati di motore. Fotografare animali selvaggi in movimento o sport d’ azione era oltre le sue possibilità.

Questo nuovo modello ha sistemato le cose inserendo un veloce e silenzioso motore ultrasonico ad anello, le stesse tre modalità di messa a fuoco del Nikon 70-200mm e un limitatore di corsa AF. C’è anche un blocco per lo zoom, dato che l’ obiettivo si estende alle focali maggiori.Lo schema ottico include 4 elementi ED e la lente frontale è protetta dalla copertura Nano Crystal Coating.

Performance

Oltre all’autofocus molto più veloce, il nuovo 80-400mm assicura una migliore qualità d’ immagine. L’ apertura massima non eccezionale gli consente di pesare poco più del Nikon 70-200mm f/2.8, il che lo rende adatto per lo scatto a mano libera – anche in considerazione del VR molto efficace. E’ costoso pe un obiettivo di questa categoria, ma restituisce risultati eccellenti.

Giudizio finale

Un obiettivo costoso, ma si comporta molto bene.

 

  • SIGMA 120-300mm F/2,8 DG OS HSM S

SIGMA 120-300mm F/2,8 DG OS HSM S

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Un grande zoom che arriva lontano quanto a focale senza sacrificare l’apertura massima. L’originale Sigma 120-300mm  f/2.8 era già grande e pesante, ma questa nuova versione lo è ancora di più. Ricade ora nella serie S (sport), ma il suo principale motivo di interesse rimane lo stesso : è l’unico obiettivo a offrire uno zoom fino a 300mm garantendo comunque un’ apertura assima costante a f/2.8. Gli aggiornamenti di questa nuova versione sono significativi.

I fotografi naturalisti gradiranno la tropicalizzazione e gli accorgimenti anti-schizzo e anti-polvere adottati per molti elementi. È stato aggiunto un limitatore di corsa AF, e con la docking station USB  opzionale, tipica della nuova gamma Sigma, è possibile cambiare il range del limitatore, cosi come personalizzare il funzionamento di AF e stabilizzatore ottico.

Sul corpo obiettivo è presente uno switch a due posizioni riservato per una funzione personale. Tra gli elementi pregiati dello schema ottico, due FLD (Fluorite Equivalent, Low Dispersion) e uno SLD (Special Low Dispersion).

Performance

La velocità dell’ autofocus non è elevata come per altri obiettivi in questa lista, ma è comunque piuttosto reattivo e silenzioso. La nitidezza non è eccellente a 300mm e f/8, ma questo obiettivo restituisce un’ impressionante nitidezza e contrasto a f/2.8 a qualsiasi focale impostata.

Giudizio finale

Imbattibile per la sua apertura f/2.8 costante, ma il peso è davvero elevato.

 

  • NIKON AF-S 200mm F/2G ED VR 2

NIKON AF-S 200mm F/2G ED VR 2

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Questo tele e focale fissa offre un’apertura massima extra-large e molti “trucchi”. Per quanti considerano f/2.8 un’ apertura massima insufficiente, questo Nikon 200mm f/2 regala uno stop in più, consentendo di stringere ulteriormente la profondità di campo o di utilizzare tempi più brevi nella fotografia sportiva indoor.

Per il fotografo potrebbe anche significare passare da 3200 ISO a 1600 ISO in una certa condizione di scatto. Fisicamente questo 200 mmha grossomodo la stessa lunghezza del Nikon 70-200mm f/2.8 e dell’ 80-400mm, ma il diametro è decisamente maggiore e il peso circa doppio 2,93 Kg. Numerose le caratteristiche evolute, tra cui una serie di pulsanti autofocus lungo la corona frontale che possono essere usati per la funzione AF-L ( blocco AF ), AF-Recall (richiama da memoria) e AF-On (avvio).

Questi pulsanti si usano congiuntamente a un selettore aggiuntivo nella parte posteriore del barilotto e la loro pressione può essere, se lo si desidera, confermata da un segnale acustico. Il sistema VR offre 2 modalità Standard e Active, e aggiunge il riconoscimento del cavaletto al più diffuso riconoscimento del Panning. Non manca nemmeno una completa selezione di modalità AF : A/M, M/A, E M.

Performance

Le performance si possono ritenere eccezionali sotto ogni aspetto, dalla velocità di messa a fuoco alla sublime qualità d’ immagine. La maneggevolezza è estremamente raffinata, ma un monopiede è consigliabile per sostenere il peso dell’ ottica.

Giudizio finale

Molto buono ma costoso, e manca la versatilità dello zoom.

 

  • NIKON AF-S 200-400 mm F/4 G ED VR 2

NIKON AF-S 200-400 mm F/4 G ED VR 2

Vedi le specifiche complete di questa lente QUI.

Tutto in questo obiettivo è grande; le dimensioni, la gamma zoom, e anche il prezzo. Questo obiettivo è due stop più lento del 200mm f/2 ma ne mantiene molte caratteristiche, aggiungendo la versatilità di uno zoom che può arrivare a raddoppiare la lunghezza focale di partenza.

Il diametro è lo stesso del 200mm, 124mm. I  due condividono inoltre l’ elemento frontale over-size che non consente l’ uso di filtri – entrambi utilizzano infatti filtri posteriori da 52mm. La lunghezza è, ovviamente, molto maggiore rispetto al 200mm, e, di conseguenza anche il peso : 336mm x 3,36 Kg. Sono qui implementati gli stessi, avanzati, sistemi AF e VR , completi di funzione AF Lock, memoria e avvio, e di rilevamento automatico di cavaletto e panning.

Inoltre, alla pari del 200mm e del Nikon 70-200mm f/2.8, il corpo è tropicalizzato e costruito in lega di Magnesio. Laddove il 200mm offre tre elementi ED e uno Super ED, il 200-400 utilizza 4 elementi ED. Per entrambi la copertura antiriflesso èm la Nano Crystal Coating.

Performance

La nitidezza risulta mediocre, specialmente all’ esterno superiore della gamma focale. Nel mondo reale, mettendo a fuoco a una distanza più consona a un supertele, la qualità d’ immagine appare molto elevata.

Giudizio finale

Uno zoom professionale dalla grande escursione e ricco di caratteristiche avanzate.

  PRODOTTI CORRELATI:
  LETTURE CONSIGLIATE:
Il libro della fotografia digitale. Tutti i segreti spiegati passo passo per ottenere foto da professionisti: Volume 1Il libro della fotografia digitale. Tutti i segreti spiegati passo passo per ottenere foto da professionisti: Volume 2Il libro della fotografia digitale. Tutti i segreti spiegati passo passo per ottenere foto da professionisti: Volume 3Il libro della fotografia digitale. Tutti i segreti spiegati passo passo per ottenere foto da professionisti: Volume 4Il libro della fotografia digitale. Tutti i segreti spiegati passo passo per ottenere foto da professionisti: Volume 5
Fotografie di viaggio. Da semplici istantanee a grandi scattiFotografare i paesaggi. Da semplici istantanee a grandi scattiFotografare il cibo. Da semplici istantanee a grandi scattiFotografare i matrimoni. Da semplici istantanee a grandi scattiFotografia notturna. Da semplici istantanee a grandi scatti
Composizione fotografica. Da semplici istantanee a grandi scattiLa luce nella fotografia digitale. Da semplici istantanee a grandi scattiConoscere le tecniche dell'HDR. Nuovi linguaggi della fotografia attraverso la post produzioneLightroom 5 per la fotografia digitalePhotoshop per Lightroom
Cosa ne pensi?