Tutorials

Filtro Fluidifica in Adobe Photoshop: cos’è e come usarlo

Ti sarà sicuramente capitato di trovare, sulla copertina di una rivista, modelle dal fisico statuario e con  sorrisi perfetti. Merito solo di madre natura? Forse no. Esistono infatti strumenti di fotoritocco in grado di migliorare sensibilmente un’immagine. Uno dei più utilizzati a questo scopo è il filtro Fluidifica.

Il filtro Fluidifica consente di applicare delle deformazioni alle immagini (o ad aree specifiche di un’immagine). È un potente strumento di fotoritocco, specialmente per chi ricerca degli effetti “artistici” per le proprie foto, e può essere applicato a immagini a 8 o 16 bit per canale.

Per utilizzare il filtro fluidifica è necessario:

  1. Selezionare la finestra Filtro > Fluidifica
  2. Selezionare la modalità avanzata per accedere alle opzioni aggiuntive.

Nella finestra di dialogo del filtro Fluidifica sono disponibili:

  • gli strumenti
  • le opzioni
  • un’immagine di anteprima sulla quale andremo a lavorare.

Nella versione di Photoshop per Creative Cloud, il filtro Fluidifica ha notevolmente ampliato il suo raggio d’azione: è innanzitutto più veloce rispetto alle versioni precedenti e supporta anche gli oggetti avanzati.

filtro fluidifica,

Photoshop: finestra “filtro”, da cui possiamo richiamare “Fluidifica”


E’ la prima volta che leggi questo blog?

scarica qui GRATUITAMENTE il nostro e-book!

Iscriviti alla newsletter e scarica il nostro manuale di consigli per migliorare la tua tecnica fotografica

Filtro Fluidifica: gli strumenti

Aprendo la finestra di dialogo del filtro Fluidifica, sono immediatamente visibili in alto a sinistra gli strumenti a nostra disposizione. Andiamo ad analizzare le loro principali funzioni, partendo all’alto:

filtro fluidifica 2

a-Strumenti filtro fluidifica

  1. Strumento altera avanti (W) Spinge i pixel dell’immagine in avanti mentre trasciniamo. Ciò significa che lo strumento “altera avanti” spinge i pixel davanti al cursore, nella direzione in cui lo si sta trascinando. E’ uno strumento molto utile ad esempio per correggere rigonfiamenti.
  2. Strumento ricostruisci (R) Ricostruisce l’immagine originale nel punto in cui si è applicata una distorsione. Ha la funzione di un pennello che annulla l’azione di ritocco; ripristina infatti l’immagine allo stato originale, semplicemente passandolo sulla parte modificata.
  3. Strumento spirale senso orario (C) Ruota i pixel dell’immagine a spirale nel punto in cui si clicca o trascina il cursore. Per fare ruotare i pixel in senso antiorario, basta tenere premuto il tasto Alt (PC) o Opzione (Mac) mentre si applica la distorsione.
  4. Strumento piega (S) Sposta i pixel verso il centro dell’area del pennello, dal punto in cui si clicca o trascina il cursore. Si dice anche che “piega” i pixel su se stessi. Viene usato, ad esempio, per ridurre un doppio mento, un naso troppo lungo.
  5. Strumento gonfiamento (B) Gonfia l’immagine nel punto in cui si clicca o trascina il cursore. È uno strumento molto utile nel fotoritocco del ritratto, ad esempio per dare volume alle labbra di una modella, purché usato con parsimonia (altrimenti gli effetti sono devastanti!).
  6. Strumento spingi a sinistra (O) Allunga e sposta l’immagine a sinistra dal punto in cui si clicca o trascina il cursore (per spostare verso destra, si trascina il cursore verso il basso).

Questi primi sei strumenti che abbiamo elencato, consentono – con modalità di diverse- di distorcere l’area sotto il pennello mentre si trascina o si tiene premuto il pulsante del mouse. La distorsione è più evidente al centro dell’area del pennello e l’effetto si può rendere più intenso tenendo premuto il pulsante del mouse sopra l’area.

Vediamo gli altri strumenti:

filtro fluidifica 3

b- Strumenti filtro fluidifica

  1. Strumento maschera area fissa (F) Se non indirizzato diversamente, il filtro Fluidifica agisce sull’intera immagine. Tuttavia, è possibile fissare delle aree in cui il filtro non deve andare a modificare. Per operare questa modifica selettiva è necessario usare lo strumento maschera area fissa. Si usa, ad esempio, quando si deve deformare un elemento che si trova vicino a un altro che però deve rimanere invariato. Per usare lo strumento “maschera area fissa”, si pennella la parte che vogliamo rimanga invariata.
  2. Strumento rilascia maschera (D) Cancella una maschera precedentemente creata nel punto in cui si clicca o trascina il cursore.
  3. Strumento volto (A) È una funzione inserita in Photoshop CC 2015.5. Questo strumento consente di riconoscere i volti all’interno di un’immagine. Grazie a questa funzione è possibile intervenire sui volti singolarmente, ad esempio sui punti di ancoraggio (abbassare la fronte, allargare o restringere l’ovale) o per accentuare o ridurre un sorriso.
  4. Strumento mano (H) Sposta l’immagine all’interno del riquadro dell’anteprima (in alternativa, per muoversi lungo l’immagine, basterà tenere premuta la barra spaziatrice, con qualsiasi strumento selezionato, e trascinate il cursore nell’anteprima).
  5. Strumento zoom (Z) Serve per zoomare l’immagine, ovvero per ingrandire o ridurre la visualizzazione dell’immagine.
back to menu ↑

Filtro Fluidifica: opzioni dello strumento Pennello

Prima di apportare qualsiasi modifica alle nostre immagini, è opportuno settare le opzioni del pennello che utilizzeremo per fluidificare la nostra immagine. Le opzioni dello strumento Pennello si trovano nel riquadro in alto a destra. Passiamone in rassegna alcune.

filtro fluidifica 3

Photoshop: opzioni strumento pennello del filtro fluidifica

Dimensione

Imposta la larghezza del pennello che useremo per distorcere l’immagine.

Densità

Controlla il comportamento del pennello ai bordi. Ciascun effetto sarà più evidente al centro del pennello e più lieve ai bordi.

Pressione

Imposta la velocità di distorsione quando si trascina uno strumento nell’anteprima. Con una minore pressione del pennello le modifiche risulteranno più blande (consiglio di impostare una bassa pressione del pennello quando si lavora su aree piccole o di difficile lavorazione).

L’opzione “Pressione stilo” è disponibile solo se è collegata una tavoletta grafica e rileva la pressione esercitata sulla tavoletta. Se l’opzione è selezionata, la pressione del pennello corrisponde alla pressione stilo moltiplicata per il valore di pressione del pennello.

Libri di fotoritocco Scopri come approfondire su
Fotoritratto. Tecniche professionali di fotoritocco con Photoshop Amazon
Photoshop CC. La nuova guida per il fotoritocco digitale Amazon
Guida al fotoritocco professionaleper il ritratto e makeup digitale Amazon
Fotoritocco passo passo Amazon
Fotoritocco avanzato con Adobe Photoshop. I sette punti del metodo Kelbyper ottenere il meglio dalle vostre foto Amazon
Photoshop C6 per la fotografia digitale. Ediz. Illustrata Amazon
Adobe Photoshop CC.Guida operativa Amazon
Adobe Photoshop CC.Clasroom in a book Amazon
back to menu ↑

Filtro Fluidifica: funzione “Fluidifica in base al volto”

Da Photoshop CC 2015.5 in poi, il filtro Fluidifica dispone di una funzionalità di riconoscimento avanzato del volto, che identifica i tratti del viso, agevolandone le regolazioni.

Per poter usare la funzione Fluidifica in base al volto è necessario che il processore grafico sia attivato nelle preferenze di Photoshop. Come farlo? Così:

  1. Photoshop CC > Preferenze > Prestazioni
  2. Selezionare: Usa processore grafico
  3. Verificare che sia selezionato Usa processore grafico per accelerare l’elaborazione, all’interno delle Impostazioni avanzate.
  4. Cliccare su OK.

Di seguito, le schermate dei passaggi che ho appena elencato:

filtro fluidifica 4

1- Photoshop CC: Preferenze>Prestazioni

filtro fluidifica 5

2-Photoshop CC: preferenze>processore grafico

filtro fluidifica 6

3- Photoshop CC: impostazioni avanzate processore grafico

La funzione Fluidifica in base al volto è utilissima per ritoccare ritratti, in quanto consente di intervenire su precise zone di un volto (o più volti) in modo preciso e non distruttivo.

Ad esempio, se vogliamo modificare la grandezza degli occhi di un soggetto, questa funzione ci consente di agire contemporaneamente su entrambi gli occhi, applicando così una modifica identica ed evitando spiacevoli asimmetrie. Allo stesso modo, è possibile intervenire sull’altezza del mento, la larghezza del naso, del volto, singolarmente su un labbro piuttosto che un altro e persino sull’ampiezza del sorriso.

filtro fluidifica 7

Photoshop CC: strumento fluidifica in base al volto

Funzione Fluidifica in base al volto: operatività

Per modificare i tratti di un volto procediamo in questo modo:

  1. Apriamo l’immagine da lavorare in Photoshop e selezioniamo il filtro Fluidifica
  2. Selezioniamo lo strumento volto (l’icona di un viso) nel pannello a sinistra oppure utilizziamo il tasto di scelta rapida (A). Noteremo da subito che i volti presenti nella foto vengono istantaneamente identificati.
  3. A questo punto potremo procedere alle nostre modifiche utilizzando il pannello proprietà a destra (occhi, naso, bocca, volto ecc.)
  4. Una volta terminate le modifiche basta un clic su OK.

Questo strumento consente, inoltre, di modificare più visi all’interno della stessa foto. I volti presenti vengono identificati automaticamente quando viene selezionato lo strumento volto. Nelle immagini in cui sono presenti più volti, l’avanzato sistema di riconoscimento distingue in Volto 1, Volto 2 ecc. permettendo modifiche rapide ed efficaci. Naturalmente, la funzione Fluidifica in base al volto è più efficace se il soggetto in questione è in posizione frontale rispetto alla fotocamera.

back to menu ↑

Opzioni maschera con il filtro Fluidifica

Quando ci troviamo in presenza di una selezione, una trasparenza o una maschera di livello, la finestra del Fluidifica può essere aperta senza che tali informazioni vengano perse. Per continuare a lavorare su questo tipo di immagini, faremo riferimento al riquadro Opzioni maschera nel menu a destra dell’anteprima.

Di seguito, una rapida spiegazione delle possibilità offerte.

filtro fluidifica 8

Photoshop CC: opzioni maschera del filtro fluidifica

  1. Sostituisce selezione: mostra la selezione, la trasparenza o la maschera di livello nell’immagine di partenza.
  1. Aggiunge alla selezione: mostra la maschera nell’immagine di partenza e consente di aggiungere delle zone mascherate, usando lo strumento maschera area fissa.
  1. Sottrae dalla selezione: consente di rimuovere delle aree mascherate dallo strumento maschera area fissa.
  1. Interseca con la selezione: usa solo le aree fisse selezionate.
  1. Inverte la selezione: inverte l’area attualmente fissa. È possibile invertire le aree fissate e quelle rilasciate facendo clic su Inverti tutto, sempre nell’area Opzioni maschera.

Maschera nel filtro fluidifica: opzioni di visualizzazione

Per mostrare (o nascondere) le aree mascherate, è sufficiente selezionare (o deselezionare) la casella Mostra maschera nella finestra Opzioni di visualizzazione. Allo stesso modo, selezionando o deselezionando la casella Mostra trama, sarà possibile visualizzarla o nasconderla. All’interno delle Opzioni di visualizzazione è inoltre possibile cambiare il colore della maschera o della trama. Basterà selezionare un colore dal menu a tendina Colore maschera/Colore trama.

filtro fluidifica 9

Filtro fluidifica: opzioni di visualizzazione

back to menu ↑

Applicare il filtro Fluidifica come filtro avanzato

Nella versione più recente di Photoshop CC, il filtro Fluidifica supporta gli “oggetti avanzati” e viene applicato come filtro avanzato. Il filtro applicato a un oggetto avanzato consente il salvataggio automatico con le trame incorporate. Le trame applicate agli oggetti avanzati sono compresse, ma comportano ugualmente un aumento delle dimensioni file.

back to menu ↑

Consigli per l’utilizzo del filtro Fluidifica

Il filtro Fluidifica nasce dalla necessità di applicare delle deformazioni più o meno evidenti alle immagini. Spesso viene usato per ridurre nasi troppo grandi, per ingrandire gli occhi, realizzare caricature e perfino per sembrare più magri! È uno strumento potentissimo e può avere effetti disastrosi se usato in modo scorretto. Per questo è bene tenere conto di alcune semplici linee guida per fare pratica senza danni.

  • Utilizzare il filtro Fluidifica come ultima modifica dell’immagine (quindi dopo aver predisposto il RAW e corretto la nostra foto per intero) soprattutto se si è alle prime armi. Alla fine della post produzione potremmo avere la necessità di tornare sull’oggetto fluidificato, per ultimare le modifiche o cambiare qualcosa. Sebbene Photoshop ci permetta di tornare indietro di alcuni passaggi, usando il fluidifica come primo strumento, ci troveremmo a perdere tutte le fasi del fotoritocco già effettuato.
  • Fare attenzione alle linee. È errore comune usare il filtro Fluidifica senza considerare tutti gli elementi della foto. Se, per esempio, ci si propone di rimodellare la silhouette di una ragazza appoggiata a un muro di mattoni, sarà buona norma ricordarsi di usare una maschera area fissa per bloccare i mattoni, altrimenti l’effetto sarà quello di un muro deformato, che smaschererà inesorabilmente l’uso scorretto del filtro Fluidifica.
  • Usare il filtro Fluidifica con moderazione. A meno che non stiate cercando di ottenere delle deformazioni spinte, a scopo artistico, l’uso selvaggio del filtro Fluidifica è sconsigliabile. Usato eccessivamente, questo strumento rende le foto un po’ artefatte. Inutile minimizzare il naso, limare la mascella e fingersi molto più magri della realtà, se poi dobbiamo presentarci a un appuntamento!

Silvia Gerbino 

 

Silvia Gerbino è una fotografa romana, classe 1986. Attiva su tutto il territorio nazionale, realizza cataloghi, book, reportage di eventi e di viaggio. 

Last update was on: 14 novembre 2018 19:03